Diario di progetto di Exyzt visualizza sulla mappa

L'esperienza di Exyzt a Cinisello Balsamo, dal loro arrivo fino all'ideazione di un progetto con i cittadini

Diario di progetto: Capitolo 1

#01 Alla scoperta di Cinisello Balsamo 26-06-2013

 

24 e 25 giugno 

 

Arrivo a Cinisello Balsamo ad ora di pranzo, il caldo è lo stesso di Palermo e di Agrigento ma il paesaggio urbano completamente diverso. Mi spaventano sempre un po’ i progetti in città ben curate e strutturate, è come se mancassero dei gradi di libertà per il processo creativo, degli appigli a cui aggrapparsi oppure da cui partire, e il nostro lavoro di ri-attivatori forse risulta essere un po’ meno stimolante o utile. Penso questo mentre i ragazzi di HubOut mi accompagnano a pranzo, poi a Villa Ghirlanda e a Villa Forno per il primo incontro con i cittadini. 

In quei primi momenti di approccio alla città non immagino minimamente che quel primo giudizio forse è affrettato. 

Il centro di Cinisello Balsamo mi mette ancora più a disagio, è bellissimo, Villa Ghirlanda e il Pertini, il museo di fotografia, la piazza, tram che sfrecciano e spaccano il minuto. Massimo Capano e Matteo Balduzzi ci danno qualche pillola sulla città: la nuova giunta, anni di politiche di incentivazione della partecipazione attiva dei cittadini, l’arte pubblica e le residenze di artisti invitati a creare dei progetti con gli abitanti di Cinisello Balsamo.

Nei tempi morti leggo le notizie sulla nuova moschea che verrà costruita in città, sulle 20.000 e più tonnellate di CO2 risparmiate dal 2009 … Hello Cinisello!

La presentazione dei progetti che abbiamo realizzato con EXYZT è molto divertente, godo delle facce stupite dei curiosi e immagino tutto il collettivo qui a lavorare, mi viene sempre da ridere quando penso a quante cose interessanti si possono fare con un gruppo di gente ultramotivata. 

Solo alcuni dei ragazzi con cui inizio a lavorare hanno condiviso un desiderio nella mappa di ZAC altri sono semplicemente curiosi di sviluppare un progetto con noi. Lavoriamo con una mappa sul tavolo e mi indicano posti in cui non ho mai camminato e che non conosco minimamente. Nelle settimane precedenti al primo incontro con i cittadini ci siamo fatti un’idea di quale potesse essere il progetto da proporre, ma essere lì in quel momento mi ha convinto a tirare il fiato ed esplorare la città. 

Propongo di fare un ciclo-sopralluogo e l’indomani stiamo già pedalando per i parchi, le zone industriali e la periferia di Cinisello che, pur essendo quasi inglobata nella Milano fagocitatrice dei piccoli sobborghi di periferia, ha conservato la sua identità “forse grazie al Parco Nord e all’autostrada, che ci separano dal resto” sostiene Massimo Capano, funzionario del Comune di Cinisello Balsamo. 

Vediamo in carovana tanti posti e io non riesco ancora a focalizzare bene quale potrebbe essere l’intervento, mi piacerebbe coinvolgere tutti, costruire ognuna delle idee proposte sulla piattaforma.

Dopo il primo incontro del 24 e 25 abbiamo discusso molto via skype con i ragazzi del collettivo (Mattia che viaggiava verso il Portogallo e Licia col volo già prenotato per Milano) e ci siamo detti che il piccolo tesoretto di desideri raccolti nella mappa di ZAC non si dovrebbe disperdere tanto facilmente. 

Ci rassicura molto sapere che oltre alla città istituzionale ce ne sia un’altra onirica e visionaria fatta di sogni e desideri. Localizzarli nella mappa di ZAC forse li ha resi molto più concreti di quanto non fossero, noi abbiamo capito che ci piacerebbe dar loro un posto.

0 Commenti Commenta questa pagina

Commenta questa pagina

back to top